CREAZIONE

O

EVOLUZIONE


TOMMASO HEINZE

EDIZIONI CENTRO BIBLICO
NAPOLI   © 1973 - Baker Book House


   

ZIP of entire book (130kb)

TITOLO ORIGINALE: CREATION VS. EVOLUTION HANDBOOK
TRADUZIONE DALL'INGLESE DI GIULIO MONTAGNA

INTRODUZIONE

Capitolo primo - L'EVOLUZIONE E NOI

Capitolo secondo - INIZIANDO DALL'INIZIO

Capitolo terzo - EVOLUZIONE, COME?

Capitolo quarto - LE PROVE DELL'EVOLUZIONE

Capitolo quinto - PROBLEMI STATISTICI PER L'EVOLUZIONE

Capitolo sesto - SPIEGAZIONI

LE OPINIONI DI DUE SCIENZIATI SUL
VALORE DI QUESTO LIBRO


INTRODUZIONE

Mi sembrava d'avere davanti a me un altro giovane. Dall'atteggiamento di arroganza e condiscendenza di chi ha una conoscenza superiore era passato ad un meditativo silenzio, interrotto di tanto in tanto da un'altra domanda. Aveva appena capito, per la prima volta nella sua vita, che i resti fossili del cavallo, tanto spesso ritenuti la prova più chiara dell'evoluzione, costituivano, invece, un genere di prova errato! Benché l'evidenza di un cambiamento graduale da quattro dita per le gambe anteriori e tre per le posteriori ad un solo dito per ciascuna di esse fosse stata ben presentata a lui e alla maggioranza degli studenti, come prova dell'evoluzione, essa provava in pratica il contrario! Era un passaggio dal complesso al semplice! Da un numero maggiore di dita ad uno minore! Se si immagina questo genere di cambiamento portato alle sue estreme conseguenze, un cavallo potrebbe ridursi ad una sola cellula, ma una sola cellula non potrebbe mai divenire un cavallo, né una persona. Malgrado questa sua fragilità fondamentale, l'argomento delle dita del cavallo viene abitualmente presentato come una delle migliori prove a favore dell'evoluzione. Essa infatti è una delle migliori, non perché sia buona in se stessa, ma a paragone delle altre.

Dovunque, i giovani si danno alla rivolta, alle droghe o si isolano individualmente da un mondo senza senso e senza scopo, che ritengono si sia formato per caso e che non

abbia nessun fine. E questo li ha portati finora ad una crescente distruzione di se stessi e della società quale essi conoscono, e non ad una soluzione positiva.

Essi non hanno creduto nell'evoluzione per la forza delle prove addotte, ma perché, come nel caso dello studente sopra citato, non hanno udito quasi per niente l'altra campana e ritengono naturalmente che non esista alcuna prova a favore della creazione del mondo da parte di Dio. In realtà esistono buone prove a favore della creazione divina e si potrebbero citare, al posto dello studente sopra menzionato a proposito della prova del cavallo, molte altre esperienze interessanti, eluse da qualunque altro tipo di prove in campi più qualificati. Penso a quel giovanissimo studente universitario, assistente ricercatore, che mi dava appuntamento nella biblioteca universitaria durante l'intervallo fra le sue ore di lavoro. Aveva i capelli lunghi e prendeva la droga, ma la sua mente era aperta, voleva conoscere.

La Bibbia dice: « Conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi ». Questo studio è stato intrapreso nel desiderio di presentare la verità, accurata dal punto di vista scientifico, in una forma concisa che ne permetta la lettura alle persone occupate.

Presento qui i miei sinceri ringraziamenti ai molti che hanno contribuito a rendere possibile la pubblicazione di questo libro: i professori delle varie discipline scientifiche toccate, che hanno dato consigli e hanno controllato l'accuratezza scientifica; tutti quelli che hanno collaborato alle ricerche, alla stesura a macchina del testo e alle correzioni del manoscritto. Senza il loro aiuto questo piccolo manuale non avrebbe mai visto la luce.

Tommaso Heinze

Capitolo primo - L'EVOLUZIONE E NOI

 
 
Tommaso Heinze, Copyright © 1973, 2003

Introduzione
T. F. Heinze Intro
www.creationism.org